You are currently viewing Dieting: quando la dieta diventa un’ossessione

Dieting: quando la dieta diventa un’ossessione

Quante diete avete provato nel corso della vostra vita?
Quante hanno effettivamente funzionato?
Quante erano sostenibili senza dover fare degli sforzi sovrumani?
Ma soprattutto quante di queste vi hanno fatto mantenere nel tempo i risultati raggiunti?

Facciamo una riflessione insieme sul dieting: quello che significa, gli effetti negativi che può apportare e come riuscire a uscirne.

Cos’è il dieting?

Quando si parla di dieting esattamente cosa si intende?
La traduzione del termine inglese (participio presente del verbo diet) vorrebbe semplicemente significare il “fare una dieta” ma in realtà questo termine nella società di oggi assume un significato molto più complicato.

Con il termine dieting si vuole, infatti, indicare l’ossessione per la dieta.
In particolare il passare costantemente da una dieta all’altra e ancora più in generale il dare troppa attenzione alle calorie e al cibo che si mangia.

Dieting è quando lo stare a dieta diventa un’abitudine costante, quando il pensiero del cibo occupa gran parte della giornata, quando il conteggio delle calorie è parte integrante di tutti i pasti e quando il peso sulla bilancia diventa un incubo e un ossessione da cui è difficile allontanarsi.

Dieting e Disturbi Alimentari

La correlazione tra l’inizio di una dieta (in modo particolare quelle drastiche e fai da te ma non solo) e i problemi alimentari è dimostrata da diversi studi scientifici.
Alcuni studi riferiscono, ad esempio, che intraprendere una dieta ipocalorica in un giovane normopeso aumenti di 8 volte il rischio di sviluppare in futuro un Disturbo Alimentare (Patton et al.,1990) e studi ancora più recenti riferiscono che l’aumento del fattore di rischio sia di ben 18 volte superiore rispetto ad un adolescente che non segue nessun alcun regime dietetico (Patton et al.,1999).

Altri studi dimostrano come anche il parlare troppo spesso di cibo, di peso e di taglia corporea in famiglia diventino per un bambino e per un adolescente un aumentato fattore di rischio per sviluppare un problema alimentare (Neumark-Sztainer et al., 2007; Berge et al., 2015; Loth et al., 2009).

Dieting e Obesità

Altri studi dimostrano come sia molto elevata anche la correlazione del dieting con l’Obesità.
Alcuni studi dimostrano, ad esempio, come il dieting sia uno dei fattori di rischio per lo sviluppo del Disturbo da Alimentazione Incontrollata (Jacobi C. et al. 2004; Howard CE, 1999).

Ma quello che è più interessante sapere è che diversi studi stimano che circa il 90% delle persone a dieta possono aspettarsi di “recuperare due terzi del peso perso nell’arco di un anno dal completamento del programma di dimagrimento”. Queste stesse persone possono aspettarsi di “recuperare l’intero peso perso, o anche di più, nell’arco di cinque anni”. (National Institute of Health, 2006)

Dieting: un circolo vizioso

Quando una persona si incastra nel circolo vizioso del dieting sostanzialmente accade questo:

1 – La persona si sente insoddisfatta del proprio peso o della
propria forma del corpo e si reca da un professionista o decide di
intraprendere una dieta fai da te
2 – Segue la dieta scrupolosamente
3 – Perde peso
4 – Interrompe la dieta: o perché era stata prescritta per una durata limitata di tempo o perché troppo faticosa e insostenibile
da mantenere nel lungo tempo
5 – Recupera una parte o tutto il peso perduto

Inevitabilmente dopo un po’ di tempo la persona si sente nuovamente insoddisfatta del proprio peso e dell’immagine che vede riflessa allo specchio e così decide di riniziare la dieta: di intraprendere un’altra dieta fai da te, di seguire quella di moda in quel periodo o di rivolgersi a un altro professionista. Segue nuovamente con iniziale entusiasmo la dieta, perde peso, interrompe nuovamente la dieta per i motivi citati sopra e recupera di nuovo tutto il peso perduto.

Questo ciclo può ripetersi infinite volte con effetti devastanti sulla persona (Ballardini,2016 ANSISA):
– a livello fisico: continua oscillazione del peso (effetto yo-yo),
alterazione dei segnali fisiologici di fame e sazietà, alterazioni
del metabolismo, etc…
– a livello psicologico: restrizione cognitiva, categorizzazione dei
cibi in buoni/cattivi o concessi/proibiti, elevati livelli di
stress, peggioramento dell’autostima, etc…

Dieting: cosa fare per uscirne

Questo articolo non vuole sicuramente mettere al bando tutte le diete in generale, quanto piuttosto far riflettere, sulla base di evidenze scientifiche, su quanto far diventare la dieta un’ossessione possa avere degli effetti negativi sul proprio corpo e sulla propria vita.
Il consiglio è quindi quello di affidarsi sempre a professionisti esperti e soprattutto di privilegiare uno stile di vita equilibrato in cui si dia sicuramente una certa attenzione alla scelta di cibi e alla salute del proprio fisico ma ci sia un rapporto con il cibo caratterizzato da consapevolezza, serenità e nessuna rigidità.

Fare pace con il cibo e con lo specchio è possibile.

Bibliografia:

– Ballardini,2016 ANSISA
– Jacobi C. et al. 2004; Howard CE, 1999
– National Institute of Health, 2006
– Neumark-Sztainer et al., 2007; Berge et al., 2015; Loth et al., 2009
– Patton et al.,1990
– Patton et al.,1999

 

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn