DISTURBI ALIMENTARI

Trattamento Disturbi Alimentari Dalunedi

Dott.ssa Francesca Tamponi – Trattamento Disturbi Alimentari a Treviso.

Cosa sono i Disturbi Alimentari?

Si tratta di patologie caratterizzate da un cambiamento delle abitudini alimentari e un‘eccessiva preoccupazione per il peso e la forma del corpo. 
Colpiscono prevalentemente il sesso femminile e insorgono spesso nelle adolescenti o nelle giovani donne. Hanno delle gravi complicazioni mediche e psicologiche  e influenzano molte aree di vita come la scuola, il lavoro, la famiglia e le relazioni sociali.

Come riconoscerli?

Alcuni comportamenti tipici sono: cambiamenti rapidi di peso (aumento o diminuzione), dieta rigida, digiuno, abbuffate, uso di vomito, lassativi o di esercizio fisico eccessivo con l’intento di controllare il peso. Il valore che si da a se stessi è fortemente influenzato dal peso o dalla forma del proprio corpo e tutto nella propria sembra ruotare intorno al cibo. 
Per sapere se realmente si soffre di un problema alimentare è importante rivolgersi a uno specialista.

Quali sono i principali Disturbi Alimentari?

Anoressia Nervosa, Bulimia Nervosa e Disturbo Alimentare Incontrollato (BED) sono i principali problemi alimentari ma esistono altri problemi altrettanto difficili da affrontare come: l’ortoressia, la sindrome da alimentazione notturna, l’alimentazione selettiva e tutti i casi sottosoglia o atipici. 

come ti posso aiutare

Cosa ti propongo?

Un trattamento psicoeducativo di tipo ambulatoriale che si avvale di strategie cognitivo comportamentali.

Cosa significa? 

 

  • Psicoeducativo perché si tratta di un percorso in cui imparerai a capire quali sono i meccanismi che ti tengono bloccata dentro il disturbo ( ad esempio: la restrizione alimentare, le abbuffate, la valutazione di se stessi in base al numero sulla bilancia etc…).
  • Cognitivo comportamentale  perché ti insegnerò a trovare delle strategie (comportamentali) da usare nella vita di tutti i giorni per riuscire a migliorare questi aspetti della tua vita ed eliminare i pensieri negativi legati al disturbo (questo è l’aspetto cognitivo) come ad esempio: il senso di colpa dopo aver mangiato, la vergogna di mostrare il proprio corpo in pubblico o il pensiero ossessivo per il cibo e le calorie.. 
  • Ambulatoriale significa che ci vedremo nel mio studio: una volta alla settimana per iniziare e poi con incontri più diradati nel tempo ( le tempistiche e la durata del percorso possono variare per ogni persona).  Il percorso che costruiremo insieme  sarà personalizzato in base alla tua storia e ai tuoi bisogni. 

Su cosa lavoreremo?

L’obiettivo è quello di aiutarti a migliorare la valutazione di te stessa  rendendola meno dipendente dal peso e dalla forma del tuo corpo. 

  • Acquisirai le conoscenze sul tuo problema alimentare e le abilità per affrontare le problematiche legate al tuo problema.  
  • Lavoreremo sul recupero del peso (se necessario), sull’interrompere i meccanismi che bloccano la guarigione: restrizione alimentare e restrizione cognitiva, le abbuffate, l’esercizio fisico eccessivo e compulsivo, i check del corpo, etc..
  • Ma soprattutto lavoreremo sull’imparare ad ascoltare il tuo corpo ( ad esempio le sensazioni di fame e sazietà) e sulla tua immagine corporea (come ti vedi allo specchio).

 

Come funziona?

Ti propongo un primo incontro di persona che è utile sia a te che a me per conoscerci, vedere se ti senti a tuo agio con me e se ti senti a tuo agio nel parlare di ciò che in questo momento ti fa soffrire. Possiamo scoprire insieme se ti può essere utile iniziare un percorso  e pensare come potremmo impostarlo.

FAQ

Le domande più frequenti

Sì, un percorso ambulatoriale non va bene per tutti. Se il disturbo è molto grave ( ad esempio se il peso è molto basso) è consigliato un trattamento più intensivo (ricovero semi-residenziale, residenziale o ospedaliero). Possiamo fare un primo incontro per valutare la tua situazione ed eventualmente saprò consigliarti a chi rivolgerti e accompagnarti nel percorso di motivazione al trattamento.

Assolutamente no! Il primo incontro serve proprio per conoscerci e non implica nessun impegno nel proseguire il percorso! Sentiti libera di fare una prova e poi puoi prenderti tutto il tempo per riflettere se ti senti pronta ad iniziare e se ti senti a tuo agio a farlo con me. 

Sì, il percorso è pensato anche per le adolescenti e le giovani donne. Se sei minorenne servirà però che i tuoi genitori (o tutori)  ti accompagnino alla prima visita e che firmino  alcuni moduli per dare il loro consenso a farti intraprendere questo percorso. 

Se soffri di un problema alimentare grave è più efficace per te un trattamento di persona sul tuo territorio. Una consulenza online non mi permette purtroppo di esserti d’aiuto. Contattami e saprò indicarti qualche collega o struttura vicino a dove abiti.

Per prima cosa prova a parlane con il tuo terapeuta di fiducia (psicologo/psicoterapeuta) o con il tuo dietista/nutrizionista. Saprà sicuramente indicarti ciò che è meglio per il tuo percorso. Se è d’accordo i due percorsi possono benissimo funzionare parallelamente.  Io sarò disponibile a collaborare con loro per arricchire il tuo percorso.
I Disturbi Alimentari sono complessi quindi è bene quando possibile lavorare in team con chi ti segue già. 

Ogni caso è diverso dall’altro ma potrei doverti chiedere di fare una visita anche con unǝ Dietistǝ e/o unǝ Psichiatrǝ e/o  unǝ Psicologǝ o Psicoterapeutǝ e/o concordare con il tuo Medicǝ di Base alcuni esami specifici. 

No, si tratta di un percorso riabilitativo di psicoeducazione e non sostituisce un percorso con unǝ Psicologǝ o Psicocoterapeutǝ. Potrà in alcuni casi  essere utile collaborare anche con queste figure. 

Se non hai trovato una risposta alle tue domande tra quelle qui sopra o se hai bisogno di maggiori informazioni lasciami un messagio qui. Ti risponderò al più presto!

Contatti Dalunedì Project

alcuni articoli che potrebbero interessarti

DISTURBI ALIMENTARI: 9 VERITA’ DA SAPERE

Attorno al mondo dei Disturbi Alimentari: Anoressia, Bulimia ma anche Disturbo da Alimentazione Incontrollata e Obesità, si sono creati nel tempo molti pregiudizi e circolano diverse informazioni scorrette che creano parecchia confusione sia in chi ne soffre che nella popolazione generale.
In questo articolo proverò a sfatare (supportata come sempre dagli studi scientifici) alcuni dei più famosi falsi miti che ruotano attorno ai Disturbi Alimentari.

Continua a leggere >>